Herding cats

Di gatti, pagliai e cerchi quadrati

La vita, purtroppo, è piena di difficoltà. Sembra una frase da Bacio Perugina incattivito o da Nonna Papera, ma purtroppo è la realtà. Che siano problemi seri o che siano piccoli dettagli che ci fanno arrabbiare peggio che la carbonara con la panna quando siamo all’estero, restano pur sempre difficoltà. Dall’ombrello perso sui mezzi pubblici, alle chiavi che rimangono dentro alla serratura, passando per il telefono che cade dalla parte dello schermo. A queste difficoltà normali si aggiungono anche le cose proprio impossibili e addirittura anche inutili. Come disciplinare una branco di gatti, appunto.

Questo realia inglese ‒ herding cats ‒ ci riporta alla parte più viva e interessante della lingua, le metafore, che con il passare del tempo si cristallizzano fino a diventare quasi incomprensibili.

Il sostantivo herd, infatti, significa “mandria, gregge, branco” e il verbo to herd “radunare, ammassare” sia persone che animali. L’espressione inglese, quindi, indica l’atto di radunare dei gatti per disporli in maniera ordinata in un gruppo: compito decisamente poco facile, come afferma un articolo della BBC. Pare che, a causa della loro natura e grazie all’evoluzione, i gatti domestici abbiano sviluppato un comportamento solitario che non comprende, tra l’altro, la condivisione del cibo né la spartizione del territorio. Tutte cose che vanno contro la natura del branco e i vantaggi che da esso derivano.
Per questo motivo, l’idiom rappresenta, con un’iperbole, l’azione di provare a coordinare un gruppo di persone che per loro natura non riescono ad essere controllate. Pensate a dei bambini in un parco giochi, a degli studenti l’ultimo giorno di scuola o alla maggior parte delle persone di fronte a un buffet.

Le origini di questo realia non sono del tutto chiare. Il dizionario online Word Sense riporta una possibile teoria: sembra che provenga dalla scena iniziale di Life of Brian (1979) di Monty Python, un gruppo comico britannico attivo dal 1969 al 1983. La frase in questione sarebbe questa: “Can you imagine a herds of cats waiting to be sheared? Meow! Meow! Woo hoo hoo”.
Altri siti come Stack Exchange, ritengono che sia impossibile scoprire l’origine del detto, in quanto troppe persone ne hanno assunto la paternità nel corso degli anni.

Per quanto riguarda la sua traduzione in italiano, la prima espressione che viene in mente è cercare un ago in un pagliaio. Impossibile e di nulla utilità come cercare la quadratura del cerchio o fare passare cammelli per la cruna di un ago (ma questa è un’altra storia).

Spesso i traduttori si crucciano per trovare l’esatto equivalente in italiano di culturemi e proverbi, ma purtroppo non sempre è possibile. Perché, in fondo, la traduzione perfetta è come herding cats.

Francesca Romana Carloni

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *